Misura dei volumi idrici per l’irrigazione: le istruzioni regionali.

‘Brilla’ non soltanto per complicazione la disciplina che la Regione Lombardia ha approvata per definire nuovi ed aggiuntivi obblighi di misurazione ai Concessionari di acqua di irrigazione.

Si tratta certamente di nuovi (e pesanti!) obblighi, poiché il punto 12.3 della stessa disciplina (approvata con D.G.R. n. 6035 del 19/12/2016, con posto prenotato sul BURL il prossimo 28 dicembre) si preoccupa di chiarire “Resta fermo l’obbligo previsto per tutti i punti di prelievo di avere idonei strumenti di misurazione delle portate e dei volumi d’acqua derivati dal corpo idrico naturale (superficiale o sotterraneo) come previsto dall’art. 33, comma 1 del r.r. n. 2/2006”.
Che c’è allora di nuovo?
Novità incredibili, che mostrano una notevole distanza dal mondo reale ed anche dagli obiettivi ragionevolmente conseguibili! Siamo pronti a scommettere che questa nuova normativa (se ‘normativa’ può essere chiamata) muoverà ben pochi e traballanti passi, impantanata nella propria stessa melassa burocratica!
Del resto, agli obblighi non seguono le sanzioni, dunque: si salvi chi può!
Ciò che non si salverà sarà la nostra acqua: la Regione Lombardia, infatti, ha elevato da 100 l/s (misura, già assurda, stabilita dal MIPAAF) a 250 l/s la portata di Concessione esentata dai nuovi obblighi, se derivata da acqua superficiali, e fino a 50 l/s con i pozzi. Sarebbe facile dimostrare che questa esenzione favorirà un numero elevatissimo di usi irrigui, decine di migliaia che, in quantità complessiva, nasconderanno una porzione rilevantissima di un bilancio idrologico che quindi parte già zoppo!
Balza un’unica certezza: questo complicare affari semplici è tipico di un’organizzazione amministrativa pubblica sempre riluttante a snellire procedure e procedimenti, per evitare di dimagrire, perdere potere e posti di prestigio che questa Italia, se vuol diventare paese moderno e più serio, non dovrebbe più permettersi!
Pubblichiamo il testo, ‘fiorito’ dalle nostre osservazioni.

click qui per leggere il testo, commentato, della DGR 6035 del 19/12/2016.

Go to top

Informativa sui cookies

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazione. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.