Dal 7 luglio competenza fissata al 90%

Il lago di Como sta scendendo più velocemente del previsto, complici i bacini idroelettrici alpini che stanno invasando, e quindi si deve iniziare a ridurre la velocità di discesa del lago,

con una prima parzializzazione dell’utenza irrigua.
Così il Consorzio dell’Adda inevitabilmente dispone di portare le derivazioni al 90%, a partire dal prossimo martedì sette luglio, fermo restando, secondo la legge, la portata di Deflusso Minimo Vitale che deve sempre e comunque fluire nell’Adda, sfiorando sulla traversa del canale Pietro Vacchelli: ventidue metri cubi al secondo, che ogni giorno, sottraggono oltre un centimetro di lago, ovvero quasi trentacinque centimetri al mese!!
Ecco: è arrivato, purtroppo, un primo anno in cui il DMV si fa sentire, e non ci consola il dire: “Sono  dieci anni che lo diciamo e lo scriviamo”.
Intanto, altri fiumi lombardi sono in diversi tratti asciutti: per loro, il DMV è un fastidio di altri?

Go to top

Informativa sui cookies

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazione. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.