Figli di nessuno!

Il 28.11.2017 la Regione Lombardia riceve la richiesta di deroga al DMV del Ticino e, in meno di sette giorni, la concede (qui il link), ma ‘soltanto’ sino al 31.12.2017; strabiliante la motivazione: “… squilibri insostenibili tra disponibilità e fabbisogni irrigui”!!!

Chi mai stesse irrigando in pieno inverno non è dato sapere, ma questo precedente aveva acceso molte speranze tra gli irrigui … naturalmente! Una deroga concessa, come si può constatare (nel link precedente), con una semplice lettera del regionale Dirigente competente, come del resto ci si dovrebbe sempre attendere in un paese serio: se c’è un’emergenza, si risponde responsabilmente con un atto d’emergenza ed inevitabilmente … immediato!

Il 13 luglio scorso, in piena e tribolata Stagione Irrigua, la deroga al DMV è stata chiesta per l’Adda e, a tutt’oggi, dopo altri dieci giorni di irrigazione difficilissima (e pure … vera!), sappiamo soltanto che nella seduta dell’Osservatorio Permanente per gli Usi Idrici: “… Autorità di Bacino e Regione Lombardia hanno concordato di non concedere al deroga al DMV …”... lo leggiamo dal verbale della seduta ... che già circola ma in ... bozza!!

Rispetto a fantomatiche irrigazioni ‘natalizie’, la criticità delle Irrigazioni di luglio sono dunque ben minor cosa?

Sempre pensando di essere in un paese serio, da questa ‘decisione collettiva’ attendiamo la formale e dovuta risposta della Regione, perché è alla Regione Lombardia che ci si è rivolti: così, magari, sapremo le motivazioni e - magari (!) - ce ne potremo fare una ragione o … altro!

Ma c’è un’altra istanza, sempre del 13 luglio, alla quale la Regione Lombardia dovrà rispondere: ordinare ai bacini idroelettrici alpini di far sì che non manchi l’acqua per le Antiche Irrigazioni di pianura. Su quest’altra richiesta, all’Osservatorio Permanente per gli Usi Idrici nessuno ‘prende decisioni’, ma, si legge (... sempre 'in bozza'!) che Regione Lombardia convocherà gli idroelettrici alpini per “… trovare un punto di mediazione …”.

Mediazione?

Le Sentenze del Giudice delle Acque (qui il link) sono chiarissime: i bacini idroelettrici alpini sono tenuti a far sì che non manchi l’acqua per le Antiche Irrigazioni di pianura … ma, nonostante la formale istanza, oggi, 23 luglio, sappiamo soltanto che la Regione, “… nei prossimi giorni” cercherà una mediazione … saremo già in … agosto?

Se c’è una legge – e le Sentenze tali sono – qualcuno la deve far rispettare, senza neanche la necessità che lo si debba pure chiedere! … così almeno dovrebbe avvenire in un paese serio …

Anche qui aspetteremo, leggeremo e ce ne faremo una ragione o … altro!

Go to top

Informativa sui cookies

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazione. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.